Il Mondo Militare si evolve, seguiamo tutti i cambiamenti...

Ministro della Funzione Pubblica, Zangrillo

Rinnovo Contratti PA: ecco cosa pensa il Ministro Zangrillo a rigurdo

Lettura
3 min

Il rinnovo del contratto della Pubblica Amministrazione ed in modo particolare per i Comparti Difesa e Sicurezza, vede per il momento una trattativa articolata tra il Dipartimento della Funzione Pubblica e i vari Sindacati.

I prossimi incontri con le parti sociali sono fissate per i giorni 10 e 11 luglio, nei precedenti incontri le parti erano ancora distanti, ora si attende di capire se ci potrà essere uno spiraglio che faccia accordare i sindacati con il Governo.

Nell’attesa, il Ministro Zangrillo ha concesso interviste che sono stare pubblicate su alcuni giornali nazionali, anche online, gli stessi sono stati ripresi e pubblicati anche sul sito del Ministero della Pubblica Amministrazione.

Il contenuto dell’intervista si focalizzano principalmente su argomenti già noti, parole rese note dallo stesso Ministro sin dal primo incontro con i sindacati.

Concetti espressi più e più volte, come i fondi che contestualizzati all’interno della legge di Bilancio, pesano per circa un terzo. D’altra parte, ritenuti non sufficienti per recuperare a pieno l’inflazione che aveva superato valori a due cifre, quindi aumenti che se confermati si attesterebbero al 5,8%.

Ecco uno stralcio dell’intervista, leggibile integralmente seguendo il link a fine pagina.

 

Ministro, si sapeva da tempo che ai dipendenti pubblici sarebbero stati riconosciuti aumenti del 5,8%. Però, adesso che si aprono i tavoli dei rinnovi, i sindacati toccano con mano che è troppo poco.

Leggi anche:  Circolare: Il CUSE informa sui contributi del personale delle Forze Armate

«L’attenzione del governo per le persone della Pa è massima e lo dimostrano i fatti. Abbiamo recuperato il ritardo ereditato sui rinnovi contrattuali chiudendo in pochi mesi la tornata 2019-2021 e, in continuità come mai era accaduto, abbiamo subito avviato le trattative per il triennio 2022-2024. Quanto agli aumenti, penso sia giusto ricordare da dove siamo partiti: la tornata contrattuale 2016-18 aveva stanziato risorse che garantivano un incremento pari al 3,48%, quella successiva del 4,07%, adesso siamo al 5,8%».

Rispetto all’inflazione del triennio 2022-2024 secondo la Cgil, c’è però una differenza di ben 10 punti.

«Un terzo della intera legge di bilancio, 8 miliardi su 24, è dedicata ai rinnovi contrattuali. Non sono mai state previste così tante risorse. La cosiddetta direttiva “madre”, che contiene la cornice di tutte le altre, è stata inviata all’Aran già il 12 gennaio, pochi giorni dopo il varo della legge di bilancio. Una rapidità senza precedenti. E abbiamo inoltre stabilito di far partire la contrattazione dalle aree più critiche, come il comparto sicurezza e difesa e sanità, particolarmente sollecitati. È vero che c’è una differenza di 10 punti, coprirla tutta avrebbe significato stanziare più di 30 miliardi solo per il rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici. Mi sarebbe piaciuto tanto, ma dobbiamo fare i conti con la realtà».

Leggi anche:  L'Aeronautica Militare Addestra i Piloti e operatori Predator

Il comparto della sicurezza, in particolare, si lamenta. Tolti i 70 euro anticipati a fine anno in media si parla di appena 80 euro in più. Ed i 195 euro di cui parlava ieri il Dipartimento della Pa per la Cgil sono “una media del pollo”.

«Si tratta di circa 115 euro medi per 13 mensilità. Gli altri, circa 80 euro, sono stati anticipati perché si è voluto intervenire sugli stipendi incisi dall’inflazione con un’erogazione già a dicembre 2023. Una parte dell’esborso contrattuale è quindi già avvenuto in un’unica tranche. Quanto al “pollo di Trilussa”, gli incrementi vengono spalmati in modo proporzionale sulla retribuzione media in essere, secondo i calcoli adottati da sempre».

Di che cifre si parla?

«L’Arma dei Carabinieri percepirà, ad esempio, circa 2600 euro annui e la Polizia Penitenziaria circa 2450. C’è un gap da colmare, ma non sui trattamenti parametrali relativi alla parte fissa della retribuzione, che aumenteranno tutti allo stesso modo. Per questo comparto c’è poi un finanziamento ad hoc nella legge di bilancio di circa 30 milioni dal 2024, che diventano 40 dal 2026. Uno sforzo in più per dare il giusto riconoscimento a questi dipendenti».

Gli anticipi sono stati erogati in maniera unilaterale: volevate esautorare i sindacati?

«Il dialogo col sindacato è una ricchezza cui non vogliamo certo rinunciare. L’anticipo erogato unilateralmente è stata una scelta di politica finanziaria che ha permesso di dare ossigeno ai dipendenti pubblici con una rivalutazione degli stipendi già da dicembre. Nessuna lesione dell’autonomia contrattuale. I contratti collettivi hanno infatti la totale libertà di disporre l’intera allocazione di risorse stanziate a regime fra i vari istituti, perché l’anticipo vale solo per quota-parte delle risorse e solo per il 2024».

Leggi anche:  Rinnovo contratto Statali, dal DEF aumenti solo dal 2020

Anche i sindacati delle Funzioni centrali e quelli della scuola sostengono che i soldi sono troppi pochi. C’è la possibilità di stanziarne altri con la nuova legge di Bilancio?

«Occorre fare i conti con la realtà: la prossima legge di Bilancio sconterà diverse voci di spesa. Perché però non ricordare che con il cuneo fiscale, che è appunto un impegno già dalla legge di Bilancio 2024, si viene incontro ai redditi più bassi in ottica di giustizia sociale che peraltro, incidendo sul costo del lavoro, giova a tutto il sistema economico?».