fbpx
cosip tutela polizia di stato

Sindacati di polizia chiedono vicinanza del Governo alla Forze di Polizia

COISP: Il Governo sia vicino ai poliziotti e alla Polizia di Stato.

Il Sindacato COISP, con un comunicato pubblicato sul loro sito ufficiale chiede interventi rapidi a tutela della sicurezza del personale della Polizia di stato.

Il COISP scrive al Ministro degli Interni, Matteo Salvini, per chiedere maggiore vicinanza e tutela, con interventi rapidi per la modifica del codice penale. Proponiamo un estratto del comunicato la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

La proposta di modificare il codice penale inasprendo le conseguenze per chi aggredisce gli appartenenti alle Forze di Polizia non solo è totalmente condivisibile; ma è assolutamente urgente. Così dichiarava lo scorso 26 giugno Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, di fronte alla bozza del disegno di legge presentata da alcuni Senatori per la modifica degli articoli del codice penale in materia di violenza, minaccia o resistenza a pubblico ufficiale, con un severo inasprimento delle pene e lo ribadisce oggi, con una lettera diretta al Ministro dell’Interno Matteo Salvini e al Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno Nicola Molteni, dove propone alcune modifiche normative per garantire a chi difende i cittadini di essere a sua volta tutelato e protetto, con una legislazione che davvero ne sostenga l’attività introducendo norme rigorose che esercitino un forte potere di deterrenza. In particolare, il Coisp sottolinea la necessità d’introdurre una legislazione di supporto alle attività delle Forze di Polizia, a cominciare da una norma che preveda l’impossibilità per chi aggredisce un Poliziotto o un Carabiniere, di accedere ai benefici concessi con il rito abbreviato, patteggiamento e ad altri sconti di pena.

Continua la lettura sul sito: coisp.it

Leggi anche:  Coisp, interrogazione parlamentare del senatore Berutti.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari