Il Mondo Militare si evolve, seguiamo tutti i cambiamenti...

8 maggio 2023 incontro sindacati con il ministro della difesa Giudo Crosetto

Inizia l’era dei Sindacati Militari e per ora l’età Pensionabile non cambia.

Lettura
2 min

Il giorno 8 maggio 2023 sarà ricordato come un evento storico per il personale in divisa.

Il discorso introduttivo del Ministro della Difesa chiarisce alcuni punti importanti per i Militari. Il COCER è morto o quasi e non ci sarà per il momento innalzamento dell’età pensionabile.

La giornata sarà ricordata come un evento storico, 8 maggio 2023, il primo vero incontro tra tutte le sigle sindacali militari iscritte all’albo del Ministero della Difesa riunite nella sala del “Centro di alti studi della Difesa”, dove incontrano il Ministro della Difesa Guido Crosetto e tutti i vertici delle 4 Forze Armate e Stato Maggiore della Difesa.

La circostanza è decisamente storica, un evento che segna il definitivo sparti acque tra il vecchio modello di Rappresentanza e il nuovo che avanza grazie anche alla Sentenza della Corte Costituzionale del 2018 e la successiva legge 46 del 2022.

Leggi anche:  Pensione per Militari e Polizia, quando sfruttare le finestre mobili

Il primo a prendere la parola è appunto il Ministro Crosetto con un discorso introduttivo che toglie da subito i dubbi sulla convivenza dei Sindacati con i COCER. Al 31 dicembre del 2023 si farà il conteggio delle deleghe e da gennaio 2024 saranno proprio i sindacati a rappresentare il personale al tavolo negoziale per il rinnovo del contratto di lavoro scaduto già da circa 500 giorni.

Allo stesso modo, il Ministro precisa che al momento non sono state prese in considerazione eventuali innalzamenti dell’età pensionabile per i Militari, voci che insistentemente sono circolate per diversi giorni prima di questo incontro.

La parola poi passa ai vari Rappresentanti sindacali, che da programma avevano a disposizione solo 3 minuti per il loro intervento. Alcune sigle hanno ritenuto opportuno fare un comunicato unico e rappresentare più questioni, lasciando poi anche un memorandum al ministro sulle questioni evidenziate.

Leggi anche:  Sindacati Forze Armate, ecco la proposta di legge depositata in parlamento

I sindacati interforze invece, hanno messo in evidenza che il tempo così breve non consentiva di fare interventi completi dove portare all’attenzione del Ministro le vari problematiche.

Quasi tutti i Sindacati Militari hanno espresso il pensiero sulla legge 46, che così come è strutturata, risulta inefficace al ruolo che le varie associazioni saranno chiamate a svolgere.

In tutto ciò, però, traspare la grande soddisfazione per la preannunciata fine del COCER, ma allo stesso tempo, l’impegno che i sindacati dovranno affrontare per raccogliere le deleghe in un ambiente che è stato poco incentivato dai comandanti di enti periferici all’introduzione della cultura sindacale tra i militari.

Quindi, il Ministro Crosetto ha dato un segnale importante dell’impegno che vuole dare ai Sindacati e la loro importanza da questo momento e per il Futuro.

Leggi anche:  Cassa Previdenziale: da Gennaio 2023 aperta anche ai Graduati

I presupposti per affrontare dialoghi costruttivi ci sono tutti, resta solo vedere se dalle tante belle parole poi ci sarà la conferma di questi concetto oppure no.

Il presente post non rappresenta una notizia ufficiale, i link presenti a piè pagina  rappresentano la fonte che hanno ispirato questo post. Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari

Resta aggiornato, seguici sul Telegram

Fonte: Incontro storico con il Ministro della Difesa – USAMI Aeronautica (usami-aeronautica.it)