Il Mondo Militare si evolve, seguiamo tutti i cambiamenti...

Avanzamento a Primo Luogotenente

Persomil, errore sulle date di anzianità degli avanzamenti

Lettura
1 min

La circolare sugli avanzamenti alla qualifica di Primo Luogotenente per il personale dell’Aeronautica Militare sta facendo il giro delle chat, in effetti, risulta anche imbarazzante leggere un documento ufficiale con date sbagliate.

Di certo, il riordino del 2019 è tutto sbagliato e proprio la contraddizione che nasce dalle date delle aliquote di avanzamento con le date effettive di anzianità che non collimano. Il personale in questione ci perde un anno di così come strutturato. Ma questo è un discorso vecchio che non si corregge con una semplice cancellatura.

Resta il fatto, la Direzione Generale per il Personale Militare ha diramato una circolare in cui sono indicate date di anzianità giuridica e amministrativa errate.

Il personale promosso al 1° Luogotenente sono coloro che nel 2014 erano stati promossi a Primo Maresciallo, e successivamente a con anzianità 3 gennaio 2020 avanzamento a Luogotenente, proprio la data indicata dalla Circolare.

stralcio, circolare persomila

A scoprire l’errore è stato il Sindacato USAMI Aeronautica che riprendendo la circolare ha evidenziato in modo corretto le anzianità dei neo promossi e la differenza con la data indicata dal documento.

Leggi anche:  Riunione del Consiglio Supremo di Difesa

Quindi per dirla in breve i nuovi promossi alla qualifica di Primo Luogotenente hanno anzianità giuridica e amministrativa al 3 gennaio 2023.

Approfondisci alla fonte, continua la lettura da questo link: https://www.usami-aeronautica.it/notizie/avanzamento-a-primo-luogotenente-per-pm-con-decorrenza-2014.html

Il presente post non rappresenta una notizia ufficiale. I link presenti in articolo rappresentano la fonte delle informazioni che hanno ispirato questo testo. Se avete correzioni, suggerimenti o richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari

Resta aggiornato, seguici sul Telegram