fbpx
Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Graziano

Il Capo di Stato Maggiore in Commissione Difesa

Il Generale Graziano in Commissione difesa Camera e Senato fa il punto sulle Forze Armate.

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa ha parlato in Commissione Difesa riunita di Camera e Senato, il suo discorso inizia con il Libro Bianco.

Conferma che l’inizio del progetto di ristrutturazione delle Forze Armate risale agli anni 90, ma per completare il processo c’è necessità di un ulteriore lungo periodo di stabilità.

Di seguito un estratto del seguente articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

Restando in tema di ristrutturazione delle Forze Armate, il capo delle Forze Armate italiano ha evidenziato come la spending review e la legge 244 del 2012 abbiano definito “un taglio di personale da 190 mila a 150 mila unità nelle dotazioni organiche, con l’eccezione dei Carabinieri, da conseguire entro il 2024.

E per rispondere alle minacce sempre più evoluzione, come aveva detto il 30 luglio il ministro della Difesa Elisabetta Trenta alle stesse Commissioni parlamentari occorrono risposte efficaci. “Esse – ha spiegato Graziano – trovano espressioni sempre più difformi e subdole, dimostrando continuamente una capacità di sorprendere la comunità internazionale che si dimostra spesso impreparata e disorientata di fronte alla necessità di garantire una risposta rapida, unitaria e globale.  Tra queste, quella che preoccupa di più i cittadini è senza dubbio quella “terroristica di matrice confessionale che, dopo una lunga parentesi in cui ha assunto una marcata connotazione geografica, continua a costituire una minaccia diffusa e immanente”.

Leggi anche:  Fesi 2017, a chi spetta e come calcolare l'importo.

Continuiamo su reportdifesa.it

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari