Giudice Borsellino, Strage di via D'amelio

In ricordo della strage di Via D’Amelio

Ventisei anni fa una autobomba parcheggiata in via D’Amelio uccideva il  giudice Paolo Borsellino.

Nel ricordo della strage che a inizio degli anni 90 ha sconvolto gli animi e le opinioni pubbliche; la Mafia colpiva tragicamente esponenti della giustizia italiana.

Proponiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine pagina.

L’autobomba parcheggiata in via D’Amelio in Palermo, uccideva il  giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Un attentato che nasconde ancora troppi lati oscuri. Ieri il presidente della Commissione regionale antimafia Claudio Fava ha mutuato dalle recenti motivazioni della sentenza Borsellino; quater la definizione dell’indagine sulla strage di via D’Amelio: “il più clamoroso depistaggio che la storia della Repubblica ricordi”, e per questo chiederà agli attuali vertici dell’intelligence “che cosa è accaduto tra il ’92 e il ’94”.

Leggi anche:  Eurispes, Trenutnesimo rapporto e fiducia nelle Istituzioni

Continua la lettura dell’articolo completo qui: palermo.gds.it

 

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma [tu] hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore . Politica della Privacy