fbpx
Coa contrattuale partenormatica, comunicato sigle sindacali comparto sicurezza

Comparto Sicurezza, i Sindacati chiedono il rinnovo

Indifferibile l’avvio del percorso per il consolidamento della coda contrattuale.

Le varie sigle sindacali del Comparto Sicurezza (Polizia di Stato e Polizia Penitenziaria); con un comunicato unitario a firma di tutte le sigle, chiedono l’apertura del tavolo per le contrattazioni della parte normativa del contratto.

Il comunicato pubblicato sui vari siti dei sindacati in questione, rende esplicita a richiesta di un incontro per iniziare la trattativa contrattale. Nel documento, in prima analisi si evidenzia come dopo la firma del contratto per la parte economica, anche se restrittiva; era stato richiesto il perfezionamento anche della parte normativa ferma dal 2009.

Per i Sindacati il tempo trascorso è oramai troppo; le varie sigle sindacali più volte in questi mesi passati avevano chiesto incontri per iniziare la trattativa, ma tali richieste sono sempre state disattese.

Leggi anche:  Contratto, adeguamento valori in busta paga di giugno

Si legge dal comunicato:

Constatato infatti che le risorse sino ad ora appostate per il triennio contrattuale 2019 – 2021 corrispondono ad un aumento medio lordo pro capite pari a circa 18 euro netti, e che quindi basteranno appena per la copertura dell’indennità di vacanza contrattuale, l’apertura della trattativa per il nuovo contratto relativo al triennio 2019-2021 non è al momento immaginabile senza ulteriori stanziamenti di risorse aggiuntive e ciò con maggiore allungamento dei tempi per la tutela dei diritti normativi che non hanno costi aggiuntivi.

L’intento dei sindacati è sicuramente sollecitare l’attuale Governo a prendere atto che il personale del Comparto Sicurezza ha necessità di risposte chiare e un impegno concreto; come indicato nel comunicato:

Nel sottolineare la centralità e il valore assoluto che la risorsa umana rappresenta in queste Amministrazioni per il raggiungimento della mission istituzionale, ci pare dunque che i lavoratori di questo nevralgico settore, che assicurano con la loro diuturna dedizione un presidio di stabilità a garanzia della tenuta delle Istituzioni repubblicane, ed ai quali l’opinione pubblica tributa lusinghiere attestazioni di stima, meritino un concreto impegno da parte dell’Esecutivo che possa rimuovere le insopportabili criticità provocate dal perdurare delle segnalate sperequazioni.

Approfondisci l’argomento sul sito siap-polizia.org oppure leggi il comunicato in formato pdf

Leggi anche:  Riordino delle carriere, l'odissea del personale militare

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari