fbpx

Fucilieri dell'aria durante un controllo

Aeronautica Militare, termina la missione dei fucilieri a Gibuti

Terminata la missione dei Fucilieri dell’Aria del 16° Stormo.

L’Aeronautica Militare sempre in prima linea con le missioni fuori dai confini nazionali, protagonista in Iraq, Afganistan e anche ora a Gibuti.

Pubblichiamo un estratto dell’articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

Sono stati mesi intensi quelli che hanno visto i Fucilieri dell’Aria del 16° Stormo  “Protezione delle Forze” dell’Aeronautica Militare impegnati a salvaguardia di personale, mezzi e infrastrutture della Base Militare Italiana di Supporto (BMIS). L’installazione militare sita nella capitale della Repubblica di Gibuti, Stato dalla sempre maggiore rilevanza geopolitica, garantisce il necessario supporto logistico alle diverse operazioni nazionali attive nel Corno d’Africa e nell’Oceano Indiano.

Subentrati ai paracadutisti della brigata Folgore lo scorso 8 aprile, i “baschi blu” dell’Aeronautica Militare hanno assicurato la cornice di sicurezza affinché il personale delle diverse Forze Armate, che costituisce il nucleo permanente del contingente italiano di stanza nel piccolo Stato africano, potesse operare in sicurezza a supporto di personale, navi e velivoli italiani in transito o nelle tante opere di ricostruzione a favore della popolazione civile. […]

Continua la lettura dell’articolo completo qui: difesaonline.it

 

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari

Leggi anche:  Aeronautica Militare, accordo con Università di Bari