fbpx
Sentenze tribunali

Pensioni dei Militari, no al blocco contratti

La Corte dei Conti ha accolto il ricorso di un ex Colonnello.

La pensione dei militari con il sistema contributivo vede il suo valore rapportarsi agli effettivi contributi versati e non più alle ultime retribuzioni consolidando al ribasso.

La recente sentenza della Corte dei Conti accogliendo il ricorso di un ex Colonnello dell Guardia di Finanza, impone il calcolo del dovuto anche ai periodi del blocco stipendiale.

Vediamo nel dettaglio la vicenda e cosa potrebbe cambiare nel prossimo futuro per i militari pensionati nel periodi dei blocchi contrattuali.

Proponiamo un estratto del seguente articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

Leggi anche:  CFI per Ufficiali, non basta la nota dello Stato Maggiore

Importante sentenza della Corte dei Conti in merito al calcolo della pensione per le Forze Armate; i giudici della Sezione giurisdizionale della Regione Calabria hanno accolto il ricorso presentato da un ex colonnello della Guardia di Finanza; il quale ha chiesto – e ottenuto – il riconoscimento, ai fini pensionistici, degli scatti stipendiali maturati dal 2011 al 2015, periodo del blocco contrattuale.

la Corte dei Conti, Sezione giurisdizionale della Regione Calabria: si è schierata totalmente dalla parte del ricorrente ribadendo quanto allora sostenuto dai giudici della Corte Costituzionale. Nel dettaglio: il blocco contrattuale e la sospensione degli scatti stipendiali deve essere interpretata nella maniera più “tenue possibile”; e di conseguenza non può avere alcuna conseguenza sulla pensione.

Approfondisci con la lettura nella versione integrale sul sito forzeitaliane.it

Leggi anche:  Fesi Forze Armate: Probabile aumento dei fondi

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari