Rappresentatività sindacati forze armate

Sindacati Militari, a che punto è la Rappresentatività?

Dopo un anno di corse e rincorse, dei vari sindacati militari iscritti agli albi ministeriali, con assemblee e convegni negli enti per far conoscere la nuova realtà di rappresentanza, presto ci sarà la conta degli iscritti e di conseguenza la verifica per decretare quali sindacati militari saranno rappresentativi a livello nazionale.

La legge 46, chiara per questo aspetto, definisce quali saranno i sindacati militari rappresentativi a livello nazionale, le APCSM dovranno raggiungere, per il primo anno, il 2% della forza, valore che salirà negli anni successivi. Anche se il 2% della forza sembra un traguardo alla portata, non è affatto scontato. Ci saranno comunque sigle sindacali che non riusciranno a raggiungere questo quorum. Altre invece che supereranno agevolmente tale valore.

La legge 213 del 30 dicembre 2023 (legge di bilancio 2024) ha stabilito all’articolo 1, comma 357 che il conteggio degli iscritti per validare la rappresentatività delle APCSM (Associazioni Professionali a Carattere Sindacali tra Militari) è spostato, in via eccezionale e solo per il primo conteggio, dalla data del 31 dicembre 2023 alla data del 31 gennaio 2024, i successivi conteggi sono fissati alla data del 31 dicembre di ogni anno.

Il processo di decretazione della rappresentatività è già iniziato, infatti il primo Sindacato a firmare la validazione ed il decreto, accettato il conteggio è SIM Carabinieri. Con un comunicato pubblicato sul proprio sito ha reso noto di aver ricevuto la rappresentatività, per primi, tra le Associazioni per la libertà Sindacale del personale delle Forze Armate e Forze di Polizia ad ordinamento Militare.

Leggi anche:  Sindacato per i Militari, la parola del Ministro

Cosa Significa ricevere la rappresentatività a livello Nazionale?

Lo definisce la Legge 46 del 28 aprile 2022, che con il successivo decreto legge 192 del 24 novembre 2023 attuativo di una delle deleghe previste per il Governo,  in buona parte ha trascritto nel COM, Codice dell’Ordinamento dei Militari, DL 66, le varie competenze delle APCSM previste dalla legge 46, sostituendo le competenze delle APCSM al posto della vecchia rappresentanza Militare. Il Decreto Legge 192 di fatto ha modificato tanti articoli, con una costante, dove prima era indicata la rappresentanza militare ora è scritto APCSM, come cita in un articolo il sindacato dell’Aeronautica Militare USAMI, in cui riporta con una tabella ben strutturata di tutte le modifiche apportate al COM.

Leggi anche:  Dalla Legge di Bilancio i coefficienti di Trasformazione per il Personale Militare

Quindi i sindacati che avranno raggiunto e superato la soglia iniziale del 2% della Forza del personale militare in servizio, potrà tra le varie cose accedere ad una serie di prerogative dettate appunto dalla legge 46, tra cui sedere al tavolo della contrattazione nazionale e negoziare i contratti di lavoro dei militari. Oltre questo, le APCSM rappresentative potranno accedere presso gli enti dove prestano servizio i propri iscritti con un preavviso al comando dell’ente interessato di sole 36 ore, ciò per verificare e garantire la sicurezza dei locali adibiti a luogo di lavoro; inoltre, avranno anche un’altra importante competenza, accedere alla procedura di raffreddamento dei conflitti. Oltre ciò, sono tante altre le tutele a livello collettivo di competenza dei Sindacati Militari, come garantire sostegno e il benessere agli iscritti e i propri familiari.

Quando avverrà la Decretazione degli altri Sindacati?

I vari Ministeri interessati e i Vertici di Forza Armata e di Polizia ad ordinamento militare, hanno già dato comunicazione alle varie sigle iscritte agli albi, delle modalità con cui sarà certificata la rappresentatività.

Questo processo prevede la convocazione presso l’alto comando per Forza Armata dove saranno forniti i dati presenti degli iscritti ed estrapolati per ogni sigla e con quelli conteggiati dalle associazioni, discussi con i dirigenti sindacali, alla corrispondenza dei dati poi ci sarà la decretazione. Diversamente se una sigla vorrà contestare i dati, il passaggio alla rappresentatività dovrà avvenire solo dopo le ulteriori verifiche.

Leggi anche:  Sindacati Militari, Audizione del Generale Nistri

Anche le APCSM che hanno optato per un tipo di associazionismo interforze avverrà lo stesso procedimento, con la differenza che il valore del conteggio per raggiungere la rappresentatività sale, e qualora la sigla sindacale non raggiunga il livello minimo per tutte le forze armate, il sindacato sarà rappresentativo solo per la forza armata dove avranno raggiunto il valore minimo del 2%.

La decretazione di tutte le APCSM rappresentative a livello nazionale avverrà comunque entro il mese di marzo 2024.

Il presente post non rappresenta una notizia ufficiale. I link presenti in articolo rappresentano la fonte delle informazioni che hanno ispirato questo post. Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari

Resta aggiornato, seguici sul Telegram