fbpx

Sindacato Autonomo dei Militari

Sindacato Autonomo dei Militari, firmato il decreto autorizzativo

Da Associazione a Sindacato.

L’Associazione Movimento 2 Stellette, da tempo impegnata con iniziative a favore del personale militare, come il recente convegno organizzato a tema “Io voglio sapere“; ottiene finalmente l’autorizzazione poter esercitare le attività sindacali con sigla “Sindacato Autonomo dei Militari“.

I sindacati militari, opportunamente organizzati per le esigenze del personale delle Forze Armate, sono legittimati in seguito alla sentenza 120/2018 della Corte Costituzionale. La quale definisce illegittimo il divieto per i militari di costituire associazioni professionali a carattere sindacale, restando però fermo il divieto di “aderire ad altre associazioni sindacali”.

Dalla sentenza il processo per la realizzazione di un sindacato passa poi dal Ministero della Difesa, per le Forze Armate e dal Ministero dell’Economia per la Guardia di Finanza. Intatti le autorizzazioni sono subordinate al preventivo assenso del Ministro, in applicazione dell’art. 1475, comma 1, del d.lgs. n. 66 del 2010.

Leggi anche:  Ministro della Difesa incontra i rappresentati Co.Ce.R.

Le autorizzazioni decretate a seguito alla presentazione della domanda con annesso lo statuto; se nel tempo varia lo statuto, il nuovo documento deve essere sottomesso nuovamente alla visione del Ministro competente per ulteriore approvazione.

I responsabili dell’associazione Movimento 2 stellette, espletati tutti gli obblighi previsti, hanno avuto finalmente l’autorizzazione del Ministro della Difesa; Elisabetta Trenta ha decretato il 28 marzo 2019 la costituzione del “Sindacato Autonomo dei Militari” in sigla SAM.

Decreto costituzione sindacato autonomo dei militari
Decreto costituzione “Sindacato Autonomo dei Militari – SAM”

In attesa della nuova piattaforma web, il sindacato è visibile con il seguente link: movimento2stellette

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari