Il Mondo Militare si evolve, seguiamo tutti i cambiamenti...

Riconoscimento decorrenza amministrativa dello status di VFP4

Lettura
3 min

Riceviamo e proponiamo un estratto del seguente articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

Vincitori del concorso VFP4 anno 2020 – riconoscimento decorrenza amministrativa dello status di VFP4 a partire dal 23 settembre 2020.

Con pec del 27 giugno 2023 (doc. 1) la scrivente Associazione aveva segnalato alla S.V. il problema in oggetto, chiedendo in conclusione un Suo autorevole intervento finalizzato a riconoscere agli interessati la decorrenza amministrativa nel nuovo status a partire dal 20 settembre 2020, ciò ai fini del corretto computo delle ore derivanti dai servizi armati e non secondo la disciplina normativa prevista per la ferma quadriennale.

Lo S.M.A. riscontrava la richiesta del nostro sindacato con pec. del 25 luglio 2023 (doc. 2) affermando che “…il transito da VFP1 a VFP4 non costituisce una promozione ma la contrazione di un nuovo arruolamento, tanto che ai VFP4, ai sensi della direttiva a riferimento b., non competono le licenze maturate e non fruite nel precedente status. Per quanto precede, i recuperi compensativi devono essere gestiti in base allo status ricoperto dal militare all’atto dell’effettuazione dei relativi servizi…”.

È opportuno sottolineare, dapprima, che la problematica trattata da questa O.S. non andava intesa quale generica possibilità di fruire di licenze maturate e non fruite nello status precedente e/o di recuperi compensativi, ma come richiesta del riconoscimento delle ore lavorative derivanti dai servizi armati e non.

Leggi anche:  Contratto: anche i Finanzieri chiedono più risorse per il rinnovo

Riteniamo utile, pertanto, ricostruire brevemente il quadro normativo e la sequenza dei provvedimenti che hanno coinvolto gli interessati.

Va innanzitutto evidenziato che l’Amministrazione ha emanato il provvedimento di formalizzazione del passaggio a VFP4 con quasi un anno di ritardo (v. doc. 3) rispetto alla data della determinazione della graduatoria (doc. 4); ciò nondimeno la decorrenza giuridica e amministrativa del personale in argomento doveva essere riconosciuta in base alle disposizioni del bando di concorso, ove si afferma che gli effetti giuridici e amministrativi decorrono ” … dalla data di congedo prevista per la seconda immissione VFP 1 anno 2019…” (doc. 5 art. 14 co 3 ultimo alinea).

Il termine previsto per la “seconda immissione VFP1 anno 2019” è riportato nel bando di concorso VFP1 (doc. 6 art. 1 comma 2) e corrisponde alla data di incorporamento avvenuto il giorno 23 settembre 2019, così come dimostrato dalla dichiarazione di assunzione del vincolo di ferma VFP1 (doc. 7), che riproduce il modello allegato alla “Direttiva sullo Stato Giuridico dei Volontari in Ferma Prefissata (doc. 8 allegato “A”).

Leggi anche:  USAMI Aeronautica denuncia violazioni alle norme igienico sanitarie in alcuni enti

Di conseguenza, ai fini della decorrenza degli effetti giuridici e amministrativi (art. 14 comma 3 ultimo alinea del bando di concorso VFP4 – doc. 5 -), si deve aver riguardo alla data corrispondente ad un anno dopo l’incorporamento (durata della ferma), ossia al giorno 23 settembre 2020 (cfr. doc. 3).

Ad avviso di questa O.S., dunque, la negazione al personale in argomento del recupero 1:1 delle ore derivanti dai servizi armati e non, e di 1/3 di quelle conseguenti dall’attività di lavoro ordinaria previsti per lo status di VFP4, maturate a partire dal 23 settembre 2020, contrasta palesemente con le disposizioni concorsuali sopra evidenziate.

Si osservi, inoltre, che la condizione di “extra lavoro non compensato” è attribuibile esclusivamente al ritardo dell’amministrazione, i cui effetti hanno altresì prodotto una penalizzazione degli interessati rispetto ai paritetici militari delle altre Forze Armate i quali, a parità di periodo concorsuale, sono stati celermente inquadrati nello stato di VFP4.

Ad avviso del nostro sindacato, il quadro normativo sopra evidenziato non lascia spazi interpretativi e va inteso nel senso del pieno riconoscimento, con i criteri previsti per lo status di VFP4, dei recuperi conseguenti all’attività lavorativa svolta a partire dal 23 settembre 2020, ovvero un anno dopo l’incorporazione come VFP1 (data di congedo per termine ferma).

Leggi anche:  TFS: oltre al danno, la beffa. l'Inps sospende l'erogazione in prestito

Diversamente argomentando, ovvero disconoscendo la retroattività amministrativa richiesta con la presente, in virtù dell’articolo 2 bis della legge n. 241/1990, dovrebbe invece configurarsi, a nostro avviso, una responsabilità risarcitoria in capo all’Amministrazione derivante dal ritardo con cui è avvenuto l’incorporamento nello status di VFP4.

Tutto quanto sopra premesso, valutata altresì la circostanza che un tale differimento non si è mai verificato nei concorsi precedenti, e tenuto conto dell’esigua consistenza del personale interessato, si rinnova alla S.V. la richiesta di intervenire urgentemente con un provvedimento che disponga il riconoscimento al personale interessato del diritto alle ore di recupero 1:1 (per i soli servizi armati e non) a decorrere dal 23/09/2020.

La presente richiesta viene avanzata anche al fine di evitare ai propri iscritti qualsivoglia azione di tutela che si rivelerebbe evidentemente onerosa anche per la stessa Amministrazione.

Leggi l’articolo completo: https://www.usami-aeronautica.it/notizie/azioni-sindacali/riconoscimento-decorrenza-amministrativa-dello-status-di-vfp4-concorso-anno-2020.html

Il presente post non rappresenta una notizia ufficiale I link presenti nell’articolo rappresentano la fonte delle informazioni che hanno ispirato questo post. Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari

Resta aggiornato, seguici sul Telegram