fbpx

Euro rinnovo contratti emolumenti statali

Rinnovo contratto Statali, dal DEF aumenti solo dal 2020

Incrementi previsti non superiori al 2%.

Il contratto dei lavoratori statali, inclusi i Comparti Difesa e Sicurezza sono scaduto il 31 dicembre scorso e da questo mese si percepisce già la quota d’indennità di vacanza contrattuale; il contratto va rinnovato e dal Documento di Economia e Finanze (DEF) ci sono cifre destinate ai rinnovi; ma saranno sufficenti per garantire un aumento dignitoso?

Proponiamo un estratto del seguente articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

Tutti hanno nella memoria la lunga piattaforma di rinnovo successiva al blocco Fornero ed alla sentenza della Consulta che portò al nuovo contratto 2016-2018 con aumenti di stipendio da 85 euro lordi. Da dicembre però c’è un vuoto contrattuale che ad aprile 2019 ha prodotto l’applicazione dell’indennità di vacanza a tutti i lavoratori delle Pubbliche Amministrazioni. Il Documento di Economia e Finanze appena licenziato dal Governo presenta tracce di una apertura delle trattative per l’atteso rinnovo del Contratto Collettivo.

Leggi anche:  Comparto Sicurezza, i Sindacati chiedono il rinnovo

Tra le righe del Def infatti ci solo le cifre che il governo avrebbe in mente di destinare nella prossima manovra finanziaria proprio al nuovo contratto dei lavoratori statali che probabilmente sarà rinnovato nel 2020.

Le ipotetiche cifre dell’aumento:

La spesa che si stima di avere per le retribuzioni dei lavoratori statali che per il 2019 è pari a 172.594 euro, salirà nel 2020 a 174.018 euro.

In pratica in base alle cifre stanziate, si arriverebbe ad aumenti tabellari per ciascun lavoratore dell’1,3% medio per il 2019, dell’1,65% medio per il 2020 e dell’1,95% per il 2021.

Completa la lettura dell’argomento su blastingnews.com

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari