USAMI Aeronautica

USAMI Aeronautica denuncia violazioni alle norme igienico sanitarie in alcuni enti

Riceviamo e proponiamo il seguente articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

Gravi violazioni e forti disagi del personale militare interessato alla vicenda in conseguenza della chiusura di mense di alcuni enti dell’Aeronautica Militare.

USAMI Aeronautica interviene e scrive al Capo di SMA, poiché interessata da numerosi iscritti che hanno segnalato forti disagi e violazione alle norme igienico sanitarie, conseguenti la chiusura delle mense e costringendo il personale a consumare i sacchetti alimentari, forniti in sostituzione del pasto, in luoghi di fortuna .

Treviso, 14 Dicembre 2023

 

Al Sig. CAPO di STATO MAGGIORE

dell’AERONAUTICA MILITARE

 

Oggetto: fornitura del c.d. “Sacchetto alimentare” presso a) “Comando Aeroporto Cameri” – b) “Centro di Selezione dell’Aeronautica Militare” di Guidonia Fornitura durante il 23° Corso interno per titoli ed esami per l’accesso al ruolo Marescialli – c) – 2° Stormo di Rivolto – Manifestazione Sacrario Redipuglia – gravi disagi del personale militare e violazione delle norme igienico-sanitarie.

Questa Associazione Sindacale è stata interessata da numerosi iscritti in merito alla gestione del sevizio di mensa e alla fornitura del c.d. sacchetto alimentare ed in particolare:

a)        per quanto attiene il Comando Aeroporto di Cameri abbiamo appreso che presso la mensa in oggetto si starebbero eseguendo dei lavori programmati riguardanti la zona cucina; il Comando Aeroporto ha dato comunicazione al personale in data mercoledì 6 dicembre 2023 che, a decorrere dal lunedì 11 dicembre 2023, la mensa sarebbe stata chiusa presumibilmente sino agli inizi di gennaio e il servizio vettovagliamento, pertanto, sarebbe stato garantito esclusivamente mediante un “sacchetto alimentare” la cui corretta composizione è attualmente sotto indagine di questa O.S.;

Leggi anche:  Sindacati Militari: LRM presenta proposte allo SME su tema dei trasferimenti

b)      parimenti, presso il 2° Stormo di Rivolto, il sacchetto alimentare è stato fornito come pasto sostitutivo nei confronti del personale appartenente a vari reparti impiegato nel corso della Celebrazione della Giornata di Unità Nazionale e delle Forze Armate dello scorso 4 novembre;

c)      tale prassi ormai consolidata si è ripetuta lo scorso 27 novembre anche presso il Centro di Selezione dell’Aeronautica Militare” di Guidonia, in occasione del 23° Corso interno per titoli ed esami per l’accesso al ruolo Marescialli.

Premesso quanto sopra, questa Associazione Sindacale, a tutela dei propri iscritti e del personale fruitore del servizio, rappresenta di non ritenere corretta la soluzione adottata dai precitati reparti in quanto, a parere della scrivente, non sono state rispettate le disposizioni normative di Forza Armata.

Leggi anche:  Il Capo di Stato Maggiore Aeronautica incontra i Sindacati Militari

Ed invero, tale pratica – verosimilmente consolidata e diffusa – contrasta con la direttiva CLA-NL-5120-0006-00B00 che prevede la fornitura del sacchetto solamente per casi improvvisi (scioperi, malfunzionamento temporaneo delle cucine ecc.), oppure, per servizi particolari (personale imbarcato, tiri a fuoco…. ecc.), mentre le situazioni sopra esposte si riconducono ad eventi programmati e ben noti ai Comandi interessati.

Si aggiunga, peraltro, che da mesi presso il sedime aeroportuale di Cameri, risultano chiusi i circoli e bar che avrebbero potuto sopperire in parte al disagio creato.

Tenuto conto che i casi sopra esposti non sono riconducibili a situazioni di emergenza ma a condizioni prevedibili ovvero programmate.

Si consideri oltretutto, che il personale sopra citato si è trovato a consumare i pasti in “condizioni di fortuna” (finanche sulla strada ovvero nei parcheggi auto) e in totale assenza delle ancor minime condizioni di tutela igienico-sanitaria.

Per quanto sopra esposto, si chiede alla S.V.  di voler far conoscere a questa Organizzazione Sindacale:

1.      quali azioni intende porre in essere per un’immediata soluzione delle situazioni in corso e, in ogni caso, per evitare in futuro casi analoghi;

Leggi anche:  Pagamento del Fondo Straordinario per il Personale civile della Difesa.

se presso i reparti in argomento sono state valutate tutte le azioni alternative alla distribuzione del sacchetto quali ad esempio:
con riguardo al Comando di Cameri: (i) essendo presente nelle vicinanze una caserma dell’EI l’applicazione del catering veicolato; (ii) l’utilizzo della mensa presente presso la FACO, adiacente al sedime aeroportuale; (iii) una opportuna modifica dell’orario di lavoro (cfr. S.M.A. Ord 11);
in relazione a tutti i reparti la distribuzione del buono pasto;
quali sono le ragioni per cui non sono state adottate le soluzioni alternative sopra citate;

Questa O.S. chiede alla S.V., infine, di verificare se la condotta adottata dai Comandi interessati abbia favorito le ditte preposte all’erogazione dei pasti, tenendo conto dei diversi costi di erogazione del sacchetto alimentare certamente, a parere della scrivente, inferiori a quelli ordinari.

Continua la lettura da questo link: https://www.usami-aeronautica.it/notizie/azioni-sindacali/violazione-delle-norme-igienico-sanitarie-e-gravi-disagi-del-personale-per-i-sacchetti-alimentari.html

Il presente post non rappresenta una notizia ufficiale. I link presenti in articolo rappresentano la fonte delle informazioni che hanno ispirato questo post. Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari

Resta aggiornato, seguici sul Telegram