fbpx
Velivolo EFA

Eurofighter, il velivolo militare che protegge i nostri cieli

Quando si legge “Scramble” significa che si alza in volo un Eurofighter.

Il velivolo militare Eurofighter, scopriamo come è fatto l’aereo che prima di altri velivoli decolla in caso di emergenze aeree.

Nel corso del mese di Luglio, per ben due volte i velivoli militari si sono alzati in volo per intercettare minacce nei cieli italiani. Per fortuna in entrambi i casi si trattavano di aerei civili che avevano perso momentaneamente il contatto radio.

Ma come è fatto il velivolo militare che ci protegge in caso di minaccia? Scopriamolo qui:

​​​L’Eurofighter o F-2000A, è un caccia di ultima generazione; il più avanzato aereo da combattimento mai sviluppato in Europa, in grado di offrire capacità operative di ampio respiro e un’efficacia impareggiabile nel settore della Difesa Aerea.

Leggi anche:  Il Generale Rosso al Comando dell'Aeronautica Militare

L’inserimento di questi velivoli nel servizio d’allarme nazionale, garantito dai reparti dell’Aeronautica Militare per la Difesa Aerea 24 ore su 24, 365 giorni all’anno; permette di fornire una maggiore capacità a quel complesso dispositivo che, in pochi minuti, assicura il decollo dei caccia per intercettare e identificare qualunque traccia aerea sospetta rilevata dai radar. E’ il frutto della collaborazione industriale di Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna.

Velivolo EFA in Volo
Velivolo EFA in Volo
Le caratteristiche tecniche:
  • Apertura alare: 10,95 m
  • lunghezza: 15,96 m
  • altezza: 5,28 m
  • superficie alare: 50 mq
  • peso a vuoto: 10.995 kg
  • peso massimo al decollo: 23.000 kg
  • impianto propulsivo: 2 turbofan Eurojet EJ200 da 60kN (13.490 lb) a secco e 90kN (20.000 lb) con postbruciatore velocità massima: 2 mach
  • tangenza operativa: 13.000 m
  • autonomia massima: 3.600 km
  • raggio d’azione: oltre 1.350 km
  • equipaggio: 1/2 piloti
  • armamento: 1 cannone Mauser cal. 27 mm, fino a 6.500 kg di carichi esterni (serbatoi ausiliari, missili aria-aria a guida radar e infrarossa, ecc.).

 

Leggi anche:  Aeronautica Militare, accordo con Università di Bari

Fonte (anche immagine):  www.aeronautica.difesa.it

Il presente post non rappresenta una notizia ufficiale. Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari