fbpx
FESI

Il pagamento del FESI 2020 a Luglio: per molti ma non per tutti?

Come avevamo già trattato di recente con altri post, il pagamento del FESI, dopo firma del decreto e richiesta del SMD al MED, è previsto con una emissione speciale nel corso del mese di luglio.

Molti dei nostri lettori ci fanno però notare che dal CUSI (Centro Unico Stipendiale Interforze) stanno giungendo mail con contenuti differenti ai percettori.

Alcuni militari hanno ricevuto la conferma che il FESI effettivamente sarà pagato nel corso del mese con cedolino a parte; altri invece hanno ricevuto una mail con un contenuto che pone interrogativi.

Di seguito il testo inviato dal CUSI:

Gentile amministrato,
Com’è noto, si è recentemente concluso l’iter di approvazione del D.M. con il quale sono stati definiti i criteri di attribuzione del FESI 2020.

Risulta pertanto possibile effettuare il pagamento dell’emolumento che avverrà, analogamente allo scorso anno, in due distinte “tranche”, corrispondenti rispettivamente a circa il 70% ed il 30% dell’importo annuo spettante. La prima “tranche” di pagamenti sarà effettuata nel corso del corrente mese di luglio.

A tal proposito, si comunica che lo scrivente, durante la fase di controlli preliminari al pagamento, ha rilevato alcune anomalie nei dati comunicati dall’Ente responsabile dell’inserimento, essenziali per la quantificazione del Suo compenso. Ciò rende necessaria un’attività di verifica di tali dati prima di procedere alla quantificazione dell’importo spettante e alla conseguente corresponsione attraverso cedolino NoiPA.

Per tale motivo il FESI spettante alla S.V. sarà corrisposto immediatamente dopo la conclusione delle doverose attività di verifica.

Il CUSI

In pratica, è necessaria una verifica ulteriore dei dati comunicati dagli enti responsabili per stabilire il corretto compenso perché alcuni di questi risultano anomali.

Leggi anche:  Più tutele per le unità Cinofili

Chi ha contattato il proprio ente amministrativo, ha avuto conferma che i dati inseriti sono corretti e che fino ad ora il CUSI non ha ne informato i vari enti di anomalie e tantomeno richiesto verifiche e correzioni.

Perchè questa mail inviata solo ad alcuni militari a cui spetta il FESI?

Ragionando per ipotesi, che il conteggio delle spettanze abbia subito dei ritardi a causa delle recenti promozioni al grado superiore di molti sottufficiali, ai quali la relativa notifica di avanzamento è giunta appunto nel mese di giugno. Periodo in cui dovevano essere concluse le operazioni di inserimento e verifica dati per la corresponsione del compenso derivante dal FESI. Pertanto, se gli avanzamenti di grado in qualche modo hanno inciso sul calcolo, i dubbi anche da parte del Centro Unico Stipendiale sono corretti. Come giustificabile l’ulteriore verifica.

Leggi anche:  Fesi 2018 Comparto Difesa, facciamo un po di chiarezza

Di fatto, il CUSI scrive che il FESI sarà comunque corrisposto, ma solo fine delle verifiche. Quindi, non tutti potrebbero ricevere il compenso del FESI, con emissione speciale, nello stesso periodo o giorno.

Sicuramente per i militari interessati, diventa disarmante avere il dubbio del pagamento a Luglio oppure per i mesi successivi.

Il presente post non rappresenta una notizia ufficiale. Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari

Resta aggiornato, seguici sul Telegram