fbpx
Addestramento piloti Predator

L’Aeronautica Militare Addestra i Piloti e operatori Predator

Primo corso di abilitazione per piloti e sensor operator su velivoli a pilotaggio remoto Predator.

L’Aeronautica Militare opera con moltissimi strumenti e tra questi ci sono delle eccellenze come la preparazione di piloti e equipaggi di volo. Tra i vari corsi,  anche quelli relativi alla guida dei velivoli Predator.

Il primo corso che prepara piloti e sensor operator, svolto presso il 32° Strormo di Amendola, si è appena concluso.

Proponiamo l’estratto del seguente articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link a fine pagina.

L’Aeronautica Militare: grazie alla recente acquisizione del simulatore MQ-1 presso il 28° Gruppo del 32° Stormo; diventa così la prima forza aerea europea a svolgere in house tutta la fase addestrativa di abilitazione su assetti APR di classe strategica.

Leggi anche:  Bando di arruolamento in Aeronautica Militare

Questa capacità va ad affiancare i corsi di addestramento basico, propedeutici al conseguimento di titoli e qualifiche relativi al pilotaggio di sistemi APR di classe “Tattici”, “Leggeri” e “Mini e Micro” o per l’impiego dei loro sensori, svolti dall’Aeronautica Militare attraverso il Centro di Eccellenza per Aeromobili a Pilotaggio Remoto, anche a favore delle altre Forze Armate e di altri Dipartimenti e Corpi Armati dello Stato.

Il nuovo sistema di simulazione permette di svolgere per intero le diverse fasi dell’iter addestrativo, da quella di “Launch and Recovery”; ovvero relativa alla gestione del velivolo durante le operazioni a terra, di decollo e di atterraggio, a quella di “Mission Control”, fase puramente tattica che consente il raggiungimento dell’area di operazioni per la raccolta delle informazioni sull’obiettivo assegnato, nonché tutta la parte addestrativa riguardante la gestione e la risoluzione delle emergenze in volo e a terra.

Leggi anche:  Aeronautica Militare, accordo con Università di Bari

La nuova piattaforma addestrativa in dotazione al Reparto pugliese va ad integrare quelle già utilizzate dal Centro di Eccellenza per Aeromobili a Pilotaggio Remoto e costituite dall’ “UAS (Unmanned Aerial Systems) Battle Lab”…

Continua la lettura su difesaonline.it

 

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari