fbpx

Intercettazione Balistica missile USA

Stati Uniti, nuovi modi per rilevare missili nemici

Una nuova era “Star Wars” come ai tempi di Regan.

WASHINGTON 15/01/2019; L’amministrazione Trump sta valutando modi per espandere la difesa degli Stati Uniti e le difese oltremare contro un potenziale attacco missilistico; aggiungendo eventualmente uno strato di satelliti nello spazio per rilevare e tracciare bersagli nemici.

I dettagli su quanto l’amministrazione intende fare pressioni su questo in un congresso largamente favorevole, dovrebbero essere rivelati quando il Pentagono pubblicherà i risultati di una revisione della difesa missilistica già giovedì.

L’uscita posticipata lo scorso anno per ragioni inspiegabili; anche se il presidente Donald Trump stava cercando di convincere la Corea del Nord a rinunciare alle sue armi nucleari. Una recensione potrebbe aver complicato i colloqui.

Anche Droni armati

Ci si aspetta che l’approccio di Trump includa l’enfasi sull’arresto dei missili prima del loro lancio; nei primi minuti di volo quando i motori di richiamo stanno ancora bruciando. Il Congresso ha già diretto il Pentagono a spingere di più su questo approccio di “fase di spinta”; che potrebbe includere l’uso di droni armati di laser.

Qualsiasi espansione della portata e del costo delle difese missilistiche, competerebbero con altre priorità di difesa; compresi i miliardi di dollari in più che l’amministrazione Trump si è impegnata a spendere per una nuova generazione di armi nucleari. Un’espansione avrebbe anche importanti implicazioni per la diplomazia americana; data la lunga ostilità russa anche alle più rudimentali difese missilistiche statunitensi e la preoccupazione della Cina; che le difese missilistiche statunitensi a più lungo raggio in Asia potrebbero minare la sicurezza nazionale cinese.

Leggi anche:  Unità di Crisi: non solo un'APP per viaggiare sicuri e informati.

L’interesse è verso mezzi efficaci di difesa aerea

Funzionari dell’amministrazione senior hanno segnalato il loro interesse a sviluppare e dispiegare mezzi più efficaci di rilevamento e localizzazione di missili; una costellazione di satelliti nello spazio che possono, ad esempio, utilizzare sensori avanzati per seguire il percorso completo di un missile nemico in modo che un missile anti-missile l’arma può essere diretta nella sua traiettoria di volo. Le reti di sensori spaziali permetterebbero agli Stati Uniti di affrontare minacce più sofisticate come i missili ipersonici.

“Penso che abbia molto senso”, ha detto Frank Rose, ex funzionario del Pentagono e del Dipartimento di Stato e ora senior fellow per la sicurezza e la strategia presso la Brookings Institution. “Questo potrebbe migliorare le nostre capacità di difesa missilistica.”

Le attuali armi di difesa missilistica degli Stati Uniti sono basate sulla terraferma e sulle navi.

I Repubblicani da tempo pensavano allo scudo spaziale

I presidenti repubblicani: inizialmente con Ronald Reagan, che propose un sistema di “missili anti-missile” nello spazio, sono stati più entusiasti della difesa missilistica rispetto ai democratici. Negli ultimi anni, tuttavia, entrambe le parti hanno sostenuto che sono necessarie migliori difese, se non altro contro le potenze nucleari emergenti come la Corea del Nord.

Leggi anche:  Missione Afghanistan, integrazione Femminile

Le opinioni dettagliate di Trump su questo non sono ben note. La strategia di sicurezza nazionale che ha svelato a dicembre 2017 ha definito prioritaria la difesa missilistica “potenziata”; ma non intendeva interrompere le relazioni strategiche con la Russia o la Cina, i cui arsenali missilistici sono considerati dagli Stati Uniti la più grande minaccia potenziale.

Le opinioni e le altre potenze mondiali

John Rood: sottosegretario alla Difesa per la politica; ha dichiarato l’anno scorso che uno strato di sensori di rilevamento missilistico basato sullo spazio non segnerà un grande cambiamento nella politica americana; o come una minaccia alla sicurezza per altri come la Russia o la Cina.

“Osserva, rileva ciò che fanno gli altri, non lo considero un atto provocatorio per osservare i voli missilistici di missili che stanno potenzialmente minacciando gli Stati Uniti”, ha detto Rood a settembre. “Non credo che avere capacità di sensore sia un cambiamento di rotta per gli Stati Uniti”, ha aggiunto, senza affermare direttamente che l’amministrazione Trump perseguirà questo obiettivo.

Leggi anche:  Guerra di Corea, restituiti i resti di 55 militari Americani

Un sistema del genere è diverso dall’idea più provocatoria di mettere a bordo satelliti missilistici a bordo di satelliti nello spazio, che non dovrebbe essere parte della strategia di Trump. Il Congresso ha ordinato al Pentagono di studiarlo e alcuni funzionari del Pentagono hanno recentemente affermato che gli intercettori spaziali sono fattibili e accessibili. Tuttavia, Rood a settembre ha suggerito fortemente che il Pentagono non è pronto per andare avanti con quello.

“Questi sono ponti da attraversare ancora, qualche tempo di distanza”, ha detto.

Daryl Kimball, direttore esecutivo della Arms Control Association, ha detto che si aspetta che la revisione della difesa missilistica sostenga un ruolo ampliato delle difese missilistiche per contrastare determinati missili russi e cinesi, specialmente quelli che potrebbero minacciare gli alleati degli Stati Uniti in Asia e in Europa.

“Questo è probabile che li stimoli ad accelerare i programmi di missili offensivi, come i veicoli ipersonici, che possono eludere la nostra difesa missilistica”, ha detto Kimball.

Fonte (testo in lingua originale): militarytimes.com

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari