fbpx
Caserma Arma dei Carabinieri

L’Arma dei Carabinieri soffre la mancanza di personale.

Mancano novemila carabinieri per le esigenze dell’arma.

Il Generale Nistri, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, in audizione in commissione lo scorso ottobre dichiarava la carenza di militari per garantire il regolare svolgimento degli incarichi istituzionali previsti. Inoltre, anche l’età media del personale in servizio, con troppi anziani.

Proponiamo un estratto del seguente articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

L’Arma dei carabinieri ha bisogno di assumere e di ringiovanire il personale. I Carabinieri soffrono di una «carenza di organico di 9.000 unità con una stima per gli anni seguenti ancor peggiore; nel 2023 le carenze di organico saranno ancora pari a 5.300 unità e nel 2025 ci sarà un picco di congedi pari a 5.200 unità, che si aggiungeranno ai posti vacanti che già ci sono.

Leggi anche:  Sindacato Carabinieri, il primo ad essere approvato

Ad oggi, come riporta infodifesa.it, per sopperire le esigenze di personale, l’Arma corre ai ripari. Con una serie di direttive volte e con estrema maestria, cerca di allungare una coperta corta e sfilacciata traendo il massimo dal poco a disposizione. Si parte da una rimodulazione degli orari delle stazioni carabinieri, la punta di diamante dell’Arma, per salvaguardare l’apertura al pubblico, il numero esiguo di personale, il controllo del territorio.

Le linee guide del Comando dell’Arma sono orientate alla riorganizzazione Territoriale, dove la carenza del personale è più sentita.

La soluzione quindi consiste nel “promuovere il graduale riassorbimento, sin da subito” dei sovraorganici “dei Sevizi Amministrativi, Reparti Comando e Uffici di Stato Maggiore legionali che presentano invece esuberi difficilmente giustificabili.

Leggi anche:  Iraq, Carabinieri concludono corso per Beni culturali

fonte: infodifesa.it

immagine: pixabay

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari