fbpx
Contractors

Contractors, l’idea di un esercito privato in Siria e Afghanistan

Sostituire eserciti regolari con contractors nei due paesi.

I contractors sono gruppi paramilitari privati composti da personale esperto ed ex soldati che hanno militato negli eserciti regolari di ogni parte del mondo. Una sorta di Legione Straniera privata in sostegno alle forze regolari.

Il più importante gruppo di contractors è “Blackwater”. Impiegati spesso in paesi come Afghanistan e Siria. Proponiamo un estratto del seguente articolo la cui completezza può essere letta seguendo il link indicato a fine pagina.

Il ritiro dei soldati americani, 2.000 dalla Siria e 7.000 dall’Afghanistan, annunciato da Trump a metà dicembre e le conseguenti dimissioni del Segretario alla Difesa; hanno creato i presupposti per la realizzazione di un ambizioso progetto: la privatizzazione della guerra in Afghanistan.

Leggi anche:  Missioni Afganistan e Iraq: programmato il rientro dei militari

E forse, anche della Siria. Da almeno un anno infatti Erik Prince, ex proprietario di Blackwater, ha proposto con insistenza di supportare Kabul contro talebani e terroristi attraverso un contingente privato.

La cronica instabilità del Paese asiatico, nonché l’uscita di scena di James Mattis, principale ed ultimo oppositore in carica rendono il traguardo quanto mai raggiungibile. L’attacco costato la vita a quattro americani, un contractor; 1 agente della Defense Intelligence Agency e 2 militari a Manbij, potrebbe portare ad un maggiore ruolo dei privati anche in Siria: l’ennesima guerra al terrore dichiarata prematuramente conclusa.

Cosa prevede il Piano:

Sostanzialmente, il piano prevede un rimpiazzo dei 17.000 soldati NATO (di cui 8.500 americani) e 29.000 contractors del Dipartimento della Difesa attualmente dispiegati in Afghanistan con 6.000 contractors e 2.000 operatori delle forze speciali, incorporati tra le fila dell’Esercito afghano. I contractors, che per un 60% sarebbero ex membri delle forze speciali USA e per un 40% dei Paesi NATO, avrebbero l’appoggio di una forza aerea – anch’essa privata – per operazioni di supporto aereo ravvicinato, avio ed elitrasporto e MEDEVAC (evacuazione di feriti dal campo di battaglia).

Leggi anche:  Iraq, Carabinieri concludono corso per Beni culturali

Approfondisci l’argomento sul sito analisidifesa.it

immagine fonte: google

Se avete correzioni, suggerimenti o volete richiedere la rimozione di elementi presenti in questa pagina, scrivete a: il blog dei militari